Gruppi di lavoro

IAML Italia 

Osservatorio sul lavoro nelle biblioteche musicali 


Referente attuale: Paola Polito <polito_paola@libero.it>

L’Osservatorio sul lavoro nelle biblioteche musicali riprende, a distanza di cinque anni, l’esperienza del Gruppo sul Lavoro discontinuo, aggiornandone finalità ed obiettivi.

Quanti sono interessati a partecipare a questa discussione sono invitati a mettersi in contatto con il coordinatore. Finalità ed obiettivi del gruppo, saranno presentati all’assemblea 2011 (Roma, ICCU, venerdì 13 maggio 2011).


Gruppo sul Lavoro discontinuo

Periodo di attività: 2004-2006. Coordinatore: Antonio Caroccia

Il gruppo è stato un punto di riferimento dei catalogatori precari attivi nelle biblioteche musicali, assunti a termine da istituzioni o da cooperative o società di servizi per lavori eseguiti in regime di esternalizzazione. Ha operato in stretto contatto con i settori Gruppo sul lavoro discontinuo e Osservatorio Lavoro dell’AIB.

Finalità: 1) Assicurare ai biblio (a)tipici musicali informazioni e possibili soluzioni alle difficoltà derivanti dalle tipologie dei contratti di lavoro e dalla condizione di lavoratori discontinui che esercitano una professione giuridicamente non riconosciuta, anche al fine di costituire una raccolta di casi significativi e delle possibili soluzioni delle problematiche legate a tali situazioni. 2) Evidenziare elementi diffusi di disagio, attraverso la realizzazione di indagini e rilevazioni statistiche impegnandosi -- ed impegnando il direttivo della IAML-Italia -- a mettere in atto ogni azione strategica che possa favorirle. Resta esclusa dall’attività del gruppo di lavoro la difesa strettamente sindacale dei diritti del lavoratore nei singoli casi a causa di difficoltà contrattuali o di ambito sindacale.

Strumenti di comunicazione: la discussione interna al gruppo si è svolta sulla lista di discussione <http://finance.groups.yahoo.com/group/discontinui/>.

Azioni svolte

  • Indagine e censimento provvisorio dei lavoratori musicali atipici nelle biblioteche, centri di documentazione e simili;
  • Protocollo d'intesa IAML-Italia-AIB sui lavoratori discontinui;
  • Richieste inviate al direttivo della IAML-Italia per l'attribuzione di un determinato punteggio da attribuire ai catalogatori esperti in musica per le graduatorie di 'bibliotecario' nei Conservatori/Istituti musicali pareggiati e per i concorsi pubblici;
  • Creazione di una mailinglist;
  • Organizzazione di una giornata di studi sui lavoratori discontinui;
  • Partecipazione al primo incontro nazionale promosso dal gruppo Biblio(a)tipici all'interno del Convegno delle Stelline 2006 (9 marzo) allo scopo di discutere tra lavoratori e confrontarsi con istituzioni e realtà legate al lavoro, in particolare quello atipico e preacario. Alla tavola rotonda hanno partecipato Sebastiano Calleri (NIdiL - CGIL), Ferruccio Diozzi (AIDA), Mauro Guerrini (AIB), Ivan Guizzardi (ALAI -CISL), Carmelo Prestileo (CPO- UIL) e Agostina Zecca Laterza (IAML-Italia) e alcuni lavoratori atipici.

Azioni a medio termine

  • Promozione degli aspetti legati al trattamento retributivo e contrattuale dei lavoratori come elementi estremamente qualificanti nell'aggiudicazione di appalti;
  • Preparazione di una raccolta di worst practices sul precariato italiano in questo settore professionale
  • Sostegno alle azioni legate al riconoscimento professionale e alla certificazione;
  • Monitoraggio della situazione legislativa del mercato del lavoro aggiornando i soci.

Convegni

AIB Sezione Campania - Conservatorio San Pietro a Majella - Consorzio Mediateca 2000
Beni culturali e lavoro: un incontro possibile? Una professionalità da impiegare: la forza lavoro degli atipici nel campo culturale e bibliotecario. Il caso degli atipici musicali
giornata di studi, Napoli, 3 ottobre 2005
Conservatorio San Pietro a Majella, via San Pietro a Majella, 35
programma in formato pdf
 

Le politiche delle biblioteche in Italia. La professione
53. Congresso nazionale dell'AIB, Roma, 18-20 ottobre 2006
intervento del coordinatore del Gruppo sul lavoro discontinuo della IAML Italia Antonio Caroccia, dal titolo "Notte e giorno faticar, Per chi nulla sa gradir": il caso degli atipici musicali
abstract

 


 


© Iaml Italia 2005-2011. Ultimo aggiornamento: marzo 2011